la staffetta della vita uau magazine
Uau Music

Iosonouncane sul palco del Pistoia Blues: Panta Rei

avatar
Scritto da Elena Barbati

πάντα ῥεῖ, Panta Rei, tutto scorre. Jacopo Incani, in arte Iosonouncane, sul palco del Pistoia Blues in Piazza del Duomo ieri sera ha portato questo: il tempo che scorre inesorabile, tra sonorità alternative e perfettamente intrecciate tra loro.

Iosonouncane Pistoia Blues
Iosonouncane, Pistoia Blues | PH. Gabriele Acerboni

Un viaggio ipnotico che inizia con un silenzio tombale come a voler raccogliere la platea in un ambiente mistico e segreto. 

Un viaggio – quello di Iosonouncane – che prosegue con sonorità elettroniche, arricchite dall’eco della voce di Jacopo e da un’armonia di rumori, melodie, riverberi, forme. 

Sul palco, anche Bruno Germano (campionatori e synth) e Amedeo Perri (campionatori e synth). Insieme a Iosonouncane formano un trio coeso che, per riprendere l’incipit di questo articolo, permette che tutto intorno a loro scorra. 

Iosonouncane Pistoia Blues
Iosonouncane, Pistoia Blues | PH. Gabriele Acerboni

Difficile definire e circoscrivere il genere in un’unica etichetta – e probabilmente è lo stesso artista che non nutre il desiderio di farlo – in quanto si spazia dal rock sperimentale all’elettronica acustica, fino a raggiungere sonorità tribali e africane.

Le luci si integrano perfettamente nella performance artistica, assumendo un ruolo strumentale, così come la voce dell’artista sardo.

Al termine non ci sono bis e il pubblico non lo richiede: strano? No, perchè è appagato, pieno, arricchito e consapevole di ciò che ha sentito, meditato e percepito in un’ora e mezzo di buona musica.

Di buona musica sì, perché chiamarlo concerto sarebbe riduttivo.

Iosonouncane Pistoia Blues
Iosonouncane, Pistoia Blues | PH. Gabriele Acerboni

#pistoiablues

Sending
User Review
0 (0 votes)