la staffetta della vita uau magazine
Cultura

DIAPHANE

diaphane
avatar
Scritto da Irene Pagnini

Quale modo migliore di festeggiare il secondo anno di attività di Post Industrial Atelier se non ospitando le fotografie della serie CELLOPHANE di FILIPPO BASETTI? DIAPHANE è un progetto site-specific: un esperimento che permetterà ai visitatori di immergersi e farsi avvolgere da fasce di cellophane che diventanando pareti mobili, ospiteranno le opere fotografiche di Filippo Basetti. Fotografie dove il fotografo e la modella sono separati da cellophane permettendo così ad ognuno di sentirsi libero di potersi esprimere. Fotografie dove la trasparenza è la vera protagonista; la luce, appunto, che attraversa e lascia intravedere il contorno del soggetto di un pallore che lascia quasi vedere al di sotto della pelle.

diaphane

Filippo Basetti, nato a Pistoia nel 1975, si occupa di arti visive. Non si pone il problema del mezzo ma del fine, ovvero raggiungere e restituire al meglio un’idea o un progetto. Passa così dalla fotografia, alla pittura, al video, al modello e all’installazione senza problemi di coscienza o di morale. Quasi tutti i suoi lavori, si rifanno alla fine all’architettura, alla fantascienza e alla visione organica della società, come unicum organismo vivente. Lavora inoltre per studi di architettura come designer tridimensionale, come disegnatore di copertine per gruppi musicali, fotografo e videomaker per case editrici, enti pubblici, associazioni e privati. Ha partecipato a numerose collettive, mostre personali e ha all’attivo riconoscimenti nel campo dei cortometraggi e video. Si ricordano le ultime personali a Pistoia presso la “Fondazione Jorio Vivarelli” nel 2018, “Sincresis” a Empoli nel 2014, a Pistoia presso “Aoristò” nel 2009, a Roma presso “Ketumbar” nel 2006 e a Firenze presso il “Gran Caffè Giubbe Rosse” nel 2005; le collettive come: “Manifesto Urbano” a Pistoia nel 2015; “Oltrecittà – Missing Masses” a Villa La Magia a Quarrata e “Impulse wave on the rock chariot” al Fuori Expo Toscana, nel 2015; “Finte Nature” presso il Mac’n di Monsummano Terme e ”Fotografia Europea 2013 – sezione OFF” a Reggio Emila, nel 2013; “I am design positive” presso la Triennale Bovisa di Milano e “Pistoia, I colori dell’esilio” presso la Biblioteca San Giorgio, il Chiostro San Giovanni e le Sale Affrescate del Comune di Pistoia, nel 2010; “Tools for Revolution or Just for Sale” presso Villa Romana a Firenze nel 2009; “Cina Cina Cina!!!” presso la Strozzina di Firenze nel 2008; “Postfordist Reality” a Pontedera nel 2007; “In visita – Giovani Artisti a Pistoia” presso il Centro di Documentazione Giovanni Michelucci a Pistoia nel 2004; “Contested Space” presso la Stazione Leopolda di Firenze e “S.O.S. Design per Emergency” presso l’ Università dell’Immagine di Milano nel 2002. Ha opere in collezioni pubbliche e private. Per info:www.filippobasetti.com

 

Sending
User Review
0 (0 votes)