Cult - ura

Mangiare sano? Si ma in modo sano!

avatar

L’ortoressia è un’attenzione malsana sul mangiare in modo sano. Mangiare cibo sano fa bene, ma se hai l’ortoressia, ne sei ossessionato a un livello tale da danneggiare il tuo benessere generale.

L’ortoressia nervosa è stata descritta per la prima volta dal medico di famiglia Steven Bratman nel 1997, utilizzando un neologismo coniato dal greco (ὀρθός, destra e ὄρεξις, appetito) per descrivere una fissazione sull’alimentazione “corretta” che aveva osservato tra i suoi pazienti. Nel 2016, Bratman e Dunn hanno differenziato l’ortoressia da un desiderio generale di uno stile di vita sano specificando che provoca conseguenze negative come malnutrizione e/o compromissione del funzionamento sociale

ortoressia

Non è una diagnosi ufficiale. Ma l’idea di base è che includa abitudini alimentari che rifiutano una varietà di cibi perché non sono ritenuti abbastanza “puri”. Infatti, le persone con ortoressia iniziano a evitare pasti interi che non soddisfano i loro standard o che non si preparano da soli.

Alcuni esperti pensano che ci siano somiglianze nell’ortoressia e nei disturbi alimentari come la bulimia e l’anoressia nervosa riguardando sia l’aspetto alimentare che il controllo.

Se soffri di ortoressia, potresti:

  • Preoccuparti per la qualità del cibo. Alti livelli di preoccupazione per la qualità e la fonte degli alimenti che mangi potrebbero portare all’ansia.
  • Evitare di uscire a mangiare o di mangiare cibi preparati da altri per paura che i cibi che non prepari tu stesso non soddisfino i tuoi standard.
  • Preoccuparti di quanto sia “pulito” il cibo o se sia “dannoso” per la tua salute.
  • Mostrare segni fisici di malnutrizione. Quando limiti la varietà di cibi che mangi, potresti non ottenere tutto il nutrimento di cui hai bisogno. Di conseguenza potresti perdere peso.
  • Essere immerso costantemente nella ricerca sul cibo. Una cosa è dedicare qualche minuto alla scansione dell’etichetta di un prodotto o navigare sul Web per ulteriori informazioni sugli ingredienti. Ma con l’ortoressia, potresti passare ore a pensare al cibo e a pianificare i pasti.
  • Rifiutarti di mangiare una vasta gamma di cibi. È normale evitare alcuni cibi perché non ti piace il loro sapore o il modo in cui ti fanno sentire. Ma con l’ortoressia, potresti decidere di eliminare intere categorie di alimenti dalla tua dieta. Ad esempio, potresti smettere di mangiare cereali; o qualsiasi alimento con conservanti, glutine o zucchero; o tutti i cibi che semplicemente non sembrano “sani”.
  • Aver paura di perdere il controllo. Senti che stai facendo la cosa giusta mangiando sano. Ma potresti anche temere che mangiare anche solo un pasto che non hai preparato, compresa la cena in un ristorante, possa essere disastroso.
  • Essere eccessivamente critico nei confronti delle scelte alimentari dei tuoi amici. Allo stesso tempo, potresti non avere una spiegazione razionale per la tua.
  • Trovarti in un circolo vizioso. La tua preoccupazione per il cibo ti fa rimbalzare tra l’amor proprio e il senso di colpa mentre cambi e limiti la tua dieta.
L'ortoressia è un'attenzione malsana sul mangiare in modo sano.

Chiunque può avere un disturbo alimentare. Sebbene le cause e i fattori di rischio varino da persona a persona, questi rientrano in tre gruppi principali:

  1. biologico: Avere un parente stretto con un disturbo alimentare, una storia di dieta o diabete di tipo I
  2. psicologico: perfezionismo, insoddisfazione per il proprio corpo o una storia di ansia
  3. sociale/culturale: essere preso in giro o vittima di bullismo per il proprio peso, aver avuto un trauma familiare che attraversa generazioni o accettare l’idea di un corpo “ideale”

Al momento, non ci sono criteri ufficiali per fare una diagnosi perché l’ortoressia non è inclusa nel DSM-5-TR, le linee guida che i medici usano per diagnosticare le condizioni di salute mentale.

Nel 2016, Bratman e Thomas M. Dunn, PhD, professore presso l’Università del Colorado settentrionale, hanno proposto i seguenti criteri diagnostici.

Il criterio A afferma che la persona si concentra in modo ossessivo sull’alimentazione sana e si angoscia per le scelte alimentari che ritiene malsane. Perderanno peso a causa delle scelte alimentari, ma non perché ci stanno provando. Inoltre:

  • seguiranno compulsivamente e saranno ossessionati dalle regole sul cibo che credono promuova la salute.
  • infrangere le loro regole creerà paura della malattia insieme ad ansia e vergogna per le loro scelte alimentari.
  • le regole diventeranno più severe nel tempo. La persona può fare purificazioni.

Il criterio B dice che la persona potrebbe osservare problemi di salute mentale e fisici:

  • la dieta ristretta può portare a malnutrizione, grave perdita di peso o altri problemi medici.
  • le loro convinzioni e regole rigide possono causare problemi con le relazioni sociali, o al lavoro o a scuola.
  • la loro immagine corporea e il loro senso di autostima potrebbero dipendere da quanto bene seguono le loro regole alimentari sane.

La chiave è riconoscere che anche se mangiare cibi sani fa bene, il modo in cui lo fai sta causando danni. Dovrai “allenarti” a pensarla diversamente.

Se pensi di avere una relazione malsana con il cibo, il tuo medico potrebbe suggerirti strategie alimentari consapevoli e lo psicologo aiutarti a rendere più flessibile i tuoi pensieri rigidi sull’alimentazione, altrimenti scrivimi e parliamone insieme

Contattami www.nicolettagiaquinta.it

Nicoletta

Sending
User Review
0 (0 votes)