la staffetta della vita uau magazine
Cultura

Alla riscoperta di Oscar Ghiglia

avatar
Scritto da Daria Derakhshan

“Oscar Ghiglia. Gli anni di Novecento”, a cura di Leonardo Ghiglia, Lucia Mannini e Stefano Zampieri, è la mostra ospitata dal 7 aprile al 13 settembre a Palazzo Medici Riccardi a Firenze. 

Oscar Ghiglia

Artista livornese sceglie Firenze come città per sviluppare la sua vena artistica. Tenendo sempre a mente gli insegnamenti di Giovanni Fattori, ma con una voglia di sperimentare e creare. Come ad esempio respirare la pittura innovativa di Cézanne , che possiamo cogliere  l’omaggio al grande pittore francese nel quadro in esposizione: “Cesto con arance”.

Oscar Ghiglia

Oscar Ghiglia si avvale di tutto ciò che lo circonda , maturando una qualità estremamente alta a livello pittorico. Creando un alta produzione di opere durante il Novecento.

In esposizione una cinquantina di opere provenienti da prestigiose collezioni private.

La prima sala,  si apre con  l’”Autoritratto” dell’artista del 1920, sala che si concentra sugli anni di sviluppo creativo dell’artista.

Dopodiché  Ghiglia  si imporrà in maniera esemplare dipingendo le sue splendide nature morte,  che io definisco “viventi”, quando le osserverete capirete il motivo. 

Proseguendo nella seconda sala  conosciamo un Ghiglia dal gusto profondamente classico.

Nella terza sala permane un attento sguardo al nudo femminile, dal disegno minuzioso e dalla composizione cromatica che anima i soggetti da lui ritratti.

La mostra si conclude con le ultime due sale  che aprono uno scenario enigmatico di Ghiglia, un artista che a primo impatto sembra metodico, ma poi ci meraviglia con le sue opere che ci ammaliano da quanto sembrano essere animate.

Se ti piacciono le mostre ti consiglio il mio articolo precedente su

Ti aspetto, a breve con il mio prossimo articolo “FACCIA A FACCIA con gli affreschi della Cappella Brancacci

Daria Derakhshan

Sending
User Review
0 (0 votes)