la staffetta della vita uau magazine
Cultura

Intervista a Marco Pietrogiacomi, coordinatore e responsabile della prima edizione di Geo Lab

avatar
Scritto da Irene Pagnini

Benvenuti al terzo appuntamento con Lorenzo Pierelli in esclusiva per noi, di nuovo per GeoLab, con una nuova intervista, questa volta a Marco Pietrogiacomi, responsabile dell’area formazione dirigenti rapporto con il territorio e progetti europei della Fidal, coordinatore e responsabile del progetto GEOLAB.

L’intervista di Lorenzo è inziata come di consueto cercando di capire il ruolo di Marco Pietrogiacomi, in particolare di, Fidal, Federazione Italiana di Atletica Leggera, all’interno del progetto GEOLAB.

Dice Marco Pietrogiacomi

“Tutto è nato tre anni fa in modo casuale: la Federazione non faceva progetti europei, dunque un po’ per scommessa grazie a miei amici e la loro azienda che faceva progetti nacque il progetto GeoLab!

Ci fu approvato come progetto a distanza perché era un progetto innovativo e da qui abbiamo iniziato a creare un gruppo di lavoro con con Rossella, con Chiara, Erika: un gruppo di lavoro stabile, non tutti i progetti europei che abbiamo presentati sono stati approvati. Geòpard invece fu approvato, e ha avuto anche un seguito, Geolab, che finirà quest’anno.

All’inizio eravamo tutti un po’ inesperti però alla fine, occupandoci del progetto stesso, attraverso il confronto tra di noi, trovando i partner europei, in Slovenia, Croazia, Bulgaria e Portogallo abbiamo fatto tutti insieme un’esperienza anche informativa e culturale come Federazione.”

Marco Pietrogiacomi

Una delle domande che sorgono spontanee è quale sia il ruolo dei territori nel far crescere e maturare una corretta cultura del movimento. Ed è quello che Lorenzo ha chiesto a Marco.

“Mi occupo non solo dei progetti europei ma dei rapporti con il territorio e molte volte la Federazione viene vista come una cattedrale nel deserto. Dai comitati regionali, ne abbiamo ventuno, provengono la maggioranza degli stimoli; questi invece vengono visti un po’ distanti. Peccato che invece il territorio sia la parte fondamentale della Federazionele perché, è vero che poi “il palazzo a Roma”, come lo chiamo io, coordina e gestisce, però se non ci fossero i nostri comitati provinciali e regionali, noi non ci saremmo!

Ho fatto la scoperta di collaborare con i quattro paesi membri, che sono Slovenia, Croazia, Portogallo e Bulgaria. Attraverso questa esperienza abbiamo fatto scoperte curiose: sapevate che il Portogallo è un comune che paga i professori di educazione fisica per fare sport all’aperto? Per noi è una cosa che è un po’ futuristica? No? Ancora, stiamo combattendo la legge sportiva che purtroppo, passa dalla riforma dello sport, che andrà ad incidere sui costi delle società sportive e invece ripeto, nel vicino piccolo Portogallo, che è un paese piccolo questo avviene… e questo mi ha decisamente molto colpito e in modo positivo. Ribadisco che i territori sono importanti per le Federazioni per fare attività sportiva, e lo sono con la precisa mission di portare gli atleti alle olimpiadi e appunto favorire progetti europei come questo!

Quale pensi che possa essere il il ruolo dell’atletica nel favorire l’integrazione e le aggregazioni sociali?

Oggi l’atletica non è più vista con riferimento alla solo pista in se oppure alla gara, alla maratona o alla mezza maratona. Ormai molta gente va a correre la mattina presto nei parchi, sulla spiaggia o per strada come sana abtudine. Io mi sveglio la mattina presto per camminare, purtroppo non corro più perché ho problemi ai tendini: è bello vedere persone più grandi o più piccole a correre, è una soddisfazione lavorando nello sport! Eccola l’atletica!

Se diciamo che l’atletica è lo sport universale sembra che come federazione ci vantiamo ma che l’atletica è la Regina degli sport èsacrosanto, perché di ogni sport è la base. Inolte è veramente uno sport aggregante perché tutti quanti lo possono fare e in qualsiasi luogo: sotto casa, al Parco, in spiaggia e dai cinque ai novant’anni. In Federazione fino a due anni fa avevamo un signore di Ancona di 102 anni che correva. Adesso purtroppo è morto ma pensare che fino a 102 ha fatto le gare è impressionante!

Quindi con l’atletica si incide sull’aggregazione sia a livello di età sia poi appunto tramite i progetti che stiamo portando avanti, Geopard e GeoLab, contro la marginazione come un fulcro per varie realtà.

Per leggere le interviste precedenti

Sending
User Review
0 (0 votes)